Seleziona una pagina

Sultanini di Santo Stefano

La ricetta dei Sultanini è molto antica e si tramanda di generazione in generazione.

Le origini sono veneziane: la leggenda vuole che la cuoca di Marco Polo ricevette in regalo dal suo padrone al ritorno di uno dei suoi favolosi viaggi, alcuni sacchetti di uva sultanina. Ritenne giusto omaggiarlo preparandogli alcuni dolcetti mescolando gli acini di uva passita all’impasto dei biscotti che di solito preparava per le grandi occasioni. Da lì il nome: “Sultanini”.

I biscotti morbidi con uvetta sono quei biscotti facili e veloci che si preparano quando si ha voglia di qualcosina di dolce in poco tempo. Perfetti per la merenda e per la colazione, sono dei biscottini teneri che si mangiano molto volentieri, dei dolcetti davvero veloci da preparare.

È necessario però fare molta attenzione agli ingredienti con i quali si intende preparare la ricetta. Fondamentale risulta la scelta dell’uvetta che dovrà essere selezionata con cura. L’uva sultanina è una cultivar dalle origini piuttosto antiche. È ipotizzabile che derivi da una regione dell’Asia sudoccidentale, da dove si sarebbe poi diffusa nel Mediterraneo orientale. L’uva sultanina è un vitigno vigoroso, con poca fertilità delle gemme basali, che esige una potatura lunga e si presta a forme espanse (ad Y o a tendone); richiede terreni freschi, profondi e climi caldi. Altri nomi dell’uvetta sultanina sono: Kish Mish (IR), Couforogò (GR), Sultana (ZA, P, AUS), Thompson seedless (USA) e Uva de Pasa (ROU).

L’uva sultanina si presta al consumo “fresco”, ma anche alla produzione di succhi, distillati e (ovviamente) di uva passa. L’acino è piccolo, ellissoidale, di colore giallo o dorato e contiene una polpa croccante. In forma naturale, ha già un gusto molto dolce e poco complesso, mentre la buccia risulta sottile, con poca pruina e facile da masticare.

INGREDIENTI

Farina di frumento, zucchero, margarina (grassi vegetali e oli vegetali raffinati, palma, soia, colza, acqua, sale, emulsionanti: mono e digliceridi degli acidi grassi, acidificante: acido citrico, conservante: sorbato di potassio, aroma: burro), uva sultanina, uova fresche, agenti lievitanti (e400i, e 500ii, amido di frumento), aromi naturali, betacarotene.

Vuoi scoprire la ricetta dei Sultanini di Santo Stefano?

Valori Nutrizionali

Hai bisogno di aiuto?